Lo Sport, un buon alleato per smettere di fumare

Posted on 26/04/2012

0



– Di Bassem Ben Salah

Da un grande studio presentato al Congresso Internazionale di Cardiologia a Dubai emerge che l’esercizio fisico dovrebbe aiutare i fumatori a staccarsi dalla sigaretta.

La terapia sostitutiva con nicotina, la terapia comportamentale e  i farmaci psicotropi sono spesso le soluzioni proposte per smettere di fumare. Meno citato, l’esercizio fisico, che facilita la disassuefazione dal fumo.  Questo invero si sospettava già da tempo, ma un recente studio condotto su più di 430.000 persone in Taiwan e presentato a Dubai lo scorso fine settimana ha appena confermato le prime ipotesi dopo dodici anni di indagini.

Infatti,  i risultati di questi studi evidenziano  che i fumatori con una regolare attività fisica (15 minuti al giorno) hanno  il doppio delle probabilità di smettere di fumare e il rischio del 43% in meno  di recidiva, rispetto a coloro che non praticare nessun  sport. “Smettere di fumare è doloroso,  crea un vuoto nella persona che vuole abbandonare la sigaretta, dice Chi Pang Wen, professore presso l’Istituto Nazionale della Ricerca Sanitaria in Taiwan. “Ma l’esercizio fisico ha la funzione di distrarre e compensare la  mancanza di nicotina ” aggiunge.

Per il professor Yves Martinet, pneumologo presso l’Ospedale Nantes University e presidente dell’ ”Alleanza contro il tabacco”, il legame tra lo sport e il tabacco risiede nel fatto che “lo sport sollecita il respiro.” Così, “per ragioni di comfort e prestazioni, i fumatori sportivi presteranno  maggiore attenzione al loro fumo e più in generale al loro stile di vita,” dice. Infine, “quando si smette di fumare, si ha sempre paura di aumentare di peso, quindi dovremmo praticare più sport per cercare di controllare il guadagno di peso possibile”, dice il pneumologo.

“Lo sport non è un permesso per fumare”

Se i fumatori non sono sempre in grado di dar fine alla loro dipendenza, l’attività fisica rimane un prezioso alleato. Con 30 minuti di esercizio al giorno, ridurrebbe il rischio del  23% di sviluppare malattie cardiovascolari e vivrebbero 3,7 anni in più rispetto alle loro controparti senza alcuna attività fisica. Queste cifre sono ancora più alte per coloro che sono riusciti a smettere di fumare e continuano a svolgere regolarmente  attività fisica: vivono 5,6 anni più a lungo ed il loro tasso di mortalità diminuisce del 43%.

I fumatori hanno almeno il doppio delle probabilità di subire un attacco cardiaco rispetto ai non fumatori, ma smettere di fumare può ridurre questo rischio a metà solo dopo 5 anni e raggiungere un livello simile a quello dei non fumatori solo dopo 15 anni. Tuttavia, “lo sport non è un permesso per  fumare, ricorda il professor Martinet. Il rischio di cancro ai polmoni, una delle principali malattie collegate al fumo, non cambia  se siete sportivi o no, si sa solo che il fumo è responsabile del 25-30% delle morti per cancro.

Annunci
Posted in: benessere, salute